Polo Culturale Mercatorum e Priula

Le vie storiche Mercatorum e Priula aprirono alla Valle Brembana le porte dell’Europa. Lungo queste strade, infatti, passarono per secoli idee e merci, artisti e mercanti, nobili e persone comuni che si spostavano da un luogo all’altro in cerca di lavoro, di fortuna o semplicemente di un cambiamento. Basti ricordare, tra gli altri, i pittori Palma il Vecchio, Carlo Ceresa e i Baschenis; l’architetto Mauro Codussi; la nobile famiglia Grataroli e la famiglia Tasso, che si affermò in Europa rivoluzionando il sistema postale.
Nel mese di gennaio 2015 si è costituito il “Polo Culturale Mercatorum e Priula / Vie di migranti, artisti, dei Tasso e di Arlecchino” con l’obiettivo di valorizzare questo importante paesaggio culturale tramite la promozione di eventi culturali e didattici.
Il progetto dell’identità visiva del Polo Culturale ha voluto dare un volto fresco, contemporaneo e ben riconoscibile a questa nuova realtà tramite: l’uso di pochi e semplici elementi grafici, la possibilità di declinare la grafica in diversi colori a seconda del tipo di iniziativa proposta, l’uso di un font ad alta leggibilità per rispecchiare lo spirito di inclusione e accessibilità del Polo Culturale.

anno

  • 2015

autori

  • Marco Mazzola, Michela Giupponi, Alessandro Menini